Scegliamo davvero la cera?

la depilazione, una norma travolgente per le donne... Ma non per gli uomini!  


Mentre si mette in discussione la scelta della depilazione sta diventando sempre più comune, soprattutto con celebrità come Emily Ratakwojki o Miley Cirus che si sono presentate con le ascelle pelose, la scelta di "eliminare" tutto rimane una norma tra le donne.


Per esempio, nel 2006, uno studio di Ipsos ha riportato che il 77% delle persone di tutti i generi ha trovato che la depilazione di una donna è importante per renderla attraente. Un altro studio, questa volta condotto nel 2017 da Glossybox, suggerisce che il 78% delle donne francesi è contrario al ritorno delle ascelle non depilate.


La pressione è tale che una donna su due avrebbe già rifiutato il sesso per un problema di capelli, capisci dalla sua non mantenuta pelosità. 


Tuttavia, se la depilazione del corpo (eccetto i capelli) è di una totale banalità per le donne, la moda sul lato degli uomini è più alla barba a 3 giorni e alla tolleranza sulla pilosità. Ciò che è sexy per alcuni è fonte di complessi per altri...

la ceretta: una scelta o un riflesso? 

Ci sono molti motivi per la ceretta. Agnes spiega che è tollerante quando vede le foto di una donna senza depilazione, ma preferisce essere senza peli:


"Mi faccio la ceretta perché la trovo più bella, più morbida, e anche per rispetto del mio ragazzo che la preferisce. Non credo che faccia particolarmente male, anzi, la depilazione è un momento in cui mi prendo del tempo per me stesso, non mi spingerei a dire che è meditativa, ma quasi. » 


Su un gruppo di Facebook, un commento invoca un altro motivo, più pragmatico.


"Personalmente, faccio la ceretta perché è comodo attenersi semplicemente agli standard. »


Perché se la depilazione deve essere una scelta, supponendo che la propria pelosità femminile si confronti con il giudizio degli altri. Non è facile fare il grande passo... 

cera o non cera: far fronte alla pressione 

Léa Castor, l'illustratrice del fumetto Corps à cœur, cœur à corps dove le donne raccontano le loro storie, ha deciso qualche anno fa di lasciare i capelli intatti. 


"Ho fatto questa scelta per un doppio desiderio di libertà e per il desiderio di accettarmi così come sono. 


Trovo che il tempo che passi a preoccuparti del tuo fisico quando sei una donna sia impressionante. È tempo che non si passi a fare altre cose, come conquistare il mondo, per esempio".


Poiché la depilazione richiede tempo, energia ed è dolorosa, Marine Spaak/Dansmontiroir (autore di Sea, Sexisme and sun) ha prodotto in agosto un fumetto che è stato ampiamente presentato su Instagram e Facebook.


In essa risponde alle persone che dicono di farsi la ceretta "per scelta", ricordandoci che per molte persone la prima depilazione viene fatta sotto la pressione della derisione e dei commenti sprezzanti delle persone che le circondano.


Interrogato sulla questione, Marine Spaak sottolinea la difficoltà dell'argomento.


"Il mio obiettivo non è quello di dare la colpa alle donne che non si sentono pronte a tenere i capelli. Non è colpa nostra se incorporiamo credenze molto negative sui capelli femminili e non è così facile sbarazzarsene, anche una volta individuato il problema! »

depilazione, genere e seduzione

Mentre è naturalmente molto più accettato che gli uomini abbiano i capelli visibili, soprattutto sulle gambe, sono anche sotto pressione per quanto riguarda gli standard di bellezza. 


Una schiena o le spalle pelose sarebbero percepite come killer dell'amore da una donna su due (studio Glossybox 2017), e una linea di bikini non curata farebbe schifo al 15% (lo studio si basa su domande eterocentriche, nota dell'editore).


Anche loro possono poi essere resi più complessi dai loro capelli, ed essere ostacolati nel loro gioco di seduzione. 


Mentre Agnes, intervistata in precedenza, dice di essere contenta che il suo partner mantenga il suo costume da bagno, lei ammette di essere più preoccupata di lui. 


"Non mi sento seducente quando sono in ripresa, anche se so che lui se ne accorge a malapena. Penso che sia importante sentirsi belli prima di ogni altra cosa, e per me questo significa rimuovere ciò che è oltre. »


Perché dietro la scelta della depilazione c'è l'idea di piacere o di non piacere. Léa Castor, che ha deciso di non fare più la ceretta, spiega che era preoccupata quando ha fatto il grande passo. 


"Ero single e questo in qualche modo mi ha aiutato a risolvere i miei rapporti perché non volevo litigare con qualcuno che non accettava il mio corpo come avrebbe dovuto essere. A parte questo, non mi ha portato via dai ragazzi (sono etero) o dal fatto che potrei essere una persona attraente. »

cerare o non cerare: una scelta personale

Negli ultimi anni, molti media hanno cantato le lodi dei benefici di fermare la depilazione: pelle migliore, risparmio di tempo e denaro... 


Tuttavia, Léa Castor non vuole sostituire la pressione della depilazione con un'altra. 


"Non voglio che la gente si senta obbligata a non farsi la ceretta... Sono affari tuoi! Ed è normale avere un complesso perché è vero che con i capelli si possono mangiare commenti sgradevoli, si è fuori dalla norma. Ci vuole molto coraggio! »


Ognuno è libero di fare ciò che vuole con il proprio corpo, di farsi la ceretta o meno. Purtroppo, alcune scelte sono ancora oggi socialmente più tollerate di altre.